Regione Veneto

La necropoli tardoromana della Madonnetta

Servizio Educativo

LA NECROPOLI TARDOROMANA DELLA MADONNETTA

Tra la fine del 1988 e il 1989 è stata rinvenuta a Sarcedo parte di una necropoli di epoca tardoromana.

Pur trattandosi di un rinvenimento occasionale, effettuato nel corso dei lavori per la realizzazione di un Piano di Edilizia Popolare, fu possibile procedere in tempi brevi all’indagine archeologica,grazie all’immediato intervento della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto, alla fattiva collaborazione del Comune di Sarcedo e al sostegno della Regione del Veneto.

Furono così messe in luce ventidue sepolture databili, sulla base degli oggetti di corredo, nel IV secolo d.C. Si tratta dell’unica necropoli di quest’epoca individuata nell’Alto Vicentino, e per questo di particolare interesse sotto il profilo storico - archeologico. Dopo le operazioni di restauro, di catalogazione e di studio dei manufatti, che hanno visto la collaborazione degli Enti già citati, i reperti vengono ora esposti nel Museo Archeologico "Alto Vicentino" di Santorso al quale è possibile rivolgersi per visite, anche guidate.

È questo l’esito di una positiva intesa tra il Comune di Santorso, che ha dato la propria disponibilità e ha realizzato l’intervento espositivo, e quello di Sarcedo, che ha attuato per le scuole, nella propria biblioteca, un percorso didattico sulla necropoli, introduttivo alla visita museale. Grazie a tale intesa le testimonianze archeologiche di uno stesso comparto territoriale sono raccolte in un’unica struttura museale, in grado di garantirne un ottimale utilizzo e di fornire agli utenti, soprattutto ai giovani, servizi e strumenti di cultura.

torna all'inizio del contenuto